Ott 25

Restauro mobili antichi come restaurare un mobile tarlato

Abbiamo più volte parlato del restauro di mobili antichi e di come esso richieda esperienza e competenza nel settore per riuscire a riportare il mobile nelle condizioni migliori.
Ma cosa fare per restaurare un mobile tarlato? Innanzitutto su tutto l’arredamento è buona regola usare sempre un buon antitarlo, a tal proposito vi suggeriamo di leggere il nostro articolo con i consigli su come usare l’antitarlo. I tarli sono degli insetti xilofagi che si nutrono di sostanze contenute all’interno della polpa del legno. Se l’attacco da parte dei tarli al mobile è terminato bisognerà procedere con l’occlusione dei fori e in caso con iniezioni di sostanze collanti che rinvigoriscono il legno. Invece nel caso in cui i tarli sono ancora attivi, è necessario prima eseguire un trattamento antitarlo, quindi va applicata sull’intero mobile l’apposita sostanza antitarlo. Il mobile deve rimanere cosparso nella soluzione apposita per almeno un paio di settimane in un luogo ben arieggiato e libero. Una volta eliminati totalmente i tarli si può passare alla seconda fase che prevede l’applicazione dello stucco o della colla per tappare i buchi.

Mag 23

Restauro mobili fai da te consigli per il restauro di mobili antichi

Quando arriva il momento di arredare casa, non sempre è necessario comprare mobili nuovi di zecca. Infatti, molto spesso capita che un parente stretto si ricordi di avere un mobile che potrebbe fare al caso nostro, solo andrebbe rimesso un po’ a nuovo.

Allora come restaurare un mobile antico? Certo sarebbe meglio affidarsi ad un vero negozio di antiquariato con esperti di tecniche del restauro, ma con qualche accorgimento si può far tornare un mobile al suo antico splendore.

Per prima cosa si effettua la sverniciatura del mobile applicando lo sverniciatore liquido con un pennello sulla superficie del mobile, per poi rimuovere la vernice con una spatola, delicatamente.

Applicare ora lo stucco dello stesso colore del legno per levigarne la superficie, in modo da eliminare gli eventuali graffi del mobile dovuti all’uso negli anni. A questo punto, una volta asciutto, sempre con un pennello si passano più mani di vernice o gommalacca, per lucidare il mobile che sembrerà come nuovo.

Tutte queste operazioni vanno eseguite in un locale con finestre spalancate e con indosso i guanti, date le sostanze utilizzate per il restauro.